English
Italy in US 2013Ministero degli esteri
Con il sostegno dei Corporate AmbassadorseniIntesa Sanpaolo
Clicca per selezionare la categoria

07 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Verdi's Requiem Today

 

With the Choral Arts Society of Washington

 

7 Novembre ore 19.00

Washington DC

Embassy of Italy

 

 

Choral Arts Artistic Director Scott Tucker and Founder and Artistic Director Emeritus Norman Scribner, together with video producer Bonnie Nelson Schwartz, will preview and discuss their upcoming November 10th performance of the Verdi Requiem, at the John F. Kennedy Center for the Performing Arts. Musical excerpts from the Verdi will feature soloists Jonita Lattimore and Patrick O’Halloran. .

200 years after Verdi’s birthday and 50 years from JF Kennedy’s assassination, the Choral Arts Society of Washington presents Legacy and Life: A Musical and Visual Reflection. It begins with American composer Steven Stucky’s Take Him, Earth, written to commemorate the 50th anniversary of the assassination of John F. Kennedy. Stucky used texts associated with Kennedy from Aeschylus, Prudentius, and Shakespeare, to realize a musical eulogy meant to be a universal expression of the human condition. The concert continues with Giuseppe Verdi’s Requiem, featuring visual imagery. Photographs and film of Kennedy and his family, events of the times, and images of November 22, 1963 in Dallas will alternate with texts relevant to Kennedy and real-time moments of the concert. This visual and musical collage places this masterwork in a contemporary context, and commemorates the life and legacy of Kennedy.

Legacy and Life: A Musical and Visual Reflection will take place on Sunday, November 10, 2013 at 4PM
LOCATION: Kennedy Center Concert Hall, Washington DC
MORE INFO: http://choralarts.org or 202.244.3669

 

Scott Tucker was appointed Artistic Director of Choral Arts in April 2012. His 2012-2013 Choral Arts debuts, including preparing the chorus, programming concerts, and conducting, were lauded by critics and audiences as well as the Choral Arts Chorus and other seasoned artists. During last season, he prepared the Choral Arts Chorus for performances with Christoph Eschenbach and Emil de Cou. In addition to conducting several Choral Arts concerts, he led the Brahms Requiem for the New Dominion Chorale’s D.C. Summer Sing. Previously he was the P. E. Browning Director of Choral Music at Cornell University for 17 years.

 

 

 

08 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Le Città Invisibili. Un’opera lirica basata sull’omonimo romanzo di Italo Calvino

 

Libretto e musica: Christopher Cerrone Regia: Yuval Sharon Direttore: Marc Lowenstein Direttore del suono: Martin Gimenez

 

5 Ottobre 2013
18 Ottobre 2013 – 8 Novembre 2013
Anteprima all'Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, 6 Ottobre

Los Angeles

Union Station

 

Evento di approfondimento all’Istituto Italiano di Cultura con i creatori dell’opera.
Prodotto da The Industry, in collaborazione con Benjamin Millepied’s LA Dance Project

 

L’opera trae la sua ispirazione dal romanzo Le città invisibili di Italo Calvino e viene rappresentata in uno dei tesori architettonici di Los Angeles, la Union Station, costruita nel 1939 nello stile tipico delle missioni spagnole, con elementi moreschi e moderni. Lo spettacolo

è presentato in una modalità assolutamente inusuale dove i cantanti ed i ballerini si mischiano, invisibilmente, alla vita quotidiana della stazione, mentre il pubblico ascolta il canto e la musica tramite delle cuffie senza fili.

 

5 ottobre

IIC, 19:30

Preceduto da uno spettacolo introduttivo all’Istituto, durante il quale il pubblico è chiamato a sperimentare questa nuova avventura musicale.

 

Prodotto da: LA Dance Project e The Industry

Con il supporto di: Sennheiser Electronics

In collaborazione con: IIC

 

09 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi

 

Eventi e messa in scena di "Falstaff" per celebrare i duecento anni dalla nascita del compositore

 

9, 13, 16, 21, 24 Novembre - 1 Dicembre 2013

Los Angeles

Los Angeles Opera

 

Il Consolato Generale d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura propongono una serie di eventi in onore del bicentennale di Giuseppe Verdi, tra cui il Falstaff in scena alla LA Opera e la presentazione di un busto in bronzo del compositore, ispirato al famoso ritratto realizzato da Giovanni Boldini e forgiato, per questa speciale occasione, dai maestri artigiani della Fonderia Marinelli di Firenze.

 

Per celebrare il bicentenario della nascita di Verdi, la LA Opera presenta Falstaff,  uno dei capolavori dell’eccezionale carriera del compositore.

Il Direttore d’Orchestra della LA Opera, James Conlon, apprezzato a livello internazionale per la sua profonda conoscenza del repertorio verdiano, dirige questa straordinaria  opera interpretata dal baritono Roberto Frontali. Comicità e romantiche disavventure si combinano nella storia del cavaliere di Windsor che ordisce una complicata trama corteggiando  due diverse donne, entrambe sposate. Accanto a Roberto Frontali nei panni di Sir John Falstaff, il cast include i noti interpreti Carmen Giannattasio, soprano che interpreta Alice Ford, ed il baritono Marco Caria nel ruolo di Ford.

La produzione originale nasce dalla collaborazione tra la Royal Opera House di Covent Garden (London), il Teatro Comunale di Firenze e la Los Angeles Philharmonic Orchestra.

 

10 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

"La Bella Addormentata nel bosco"

 

Spettacolo di marionette ispirato alla fiaba di Perrault, con le musiche di Ciajkovskij, messo in scena dalla Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli 

 

1 - 10 Novembre 2013
 

New York at The New Victory Theater
Boston, Paramount Center Mainstage

U.S. Premiere at The New Victory Theater
NewVictory.org - 646.223.3010

 

La Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli/Associazione Grupporiani realizza una tournée in alcune fra le principali città degli Stati Uniti al fine di promuovere la Cultura Italiana attraverso una delle espressioni teatrali più interessanti e tipiche della nostra tradizione. Il progetto artistico prevede uno spettacolo di grande successo del repertorio recente della Compagnia: “La bella addormentata nel bosco”, con musiche di Tchaikowsky.

 

"La Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli di Milano vanta oltre due secoli di presenza in campo teatrale, ed è, sicuramente, una delle formazioni artistiche più antiche ancora in attività.
Il tour negli Stati Uniti vuole non solo presentare uno degli spettacoli più significativi della Compagnia ma anche implementare la conoscenza di una tradizione teatrale che è stata, ed è ancora oggi, espressione della cultura italiana e dell’evoluzione storica e sociale del nostro paese. Una tradizione che si è sviluppata di pari passo con la storia d’Italia degli ultimi duecento anni e che unisce la componente teatrale a quella artigianale, le cui tecniche specifiche sono ancora oggi usate nei nostri laboratori (scultura, falegnameria, sartoria, scenografia, parruccheria etc.) per gli allestimenti dei nuovi spettacoli e sono esse stesse un patrimonio di Cultura Immateriale.

Perché “La bella addormentata nel bosco”? Per voglia di fiabe, quelle dei libri e quelle che stanno dentro ciascuno di noi, là dove il tempo e lo spazio non esistono più, dove il Male e il Bene sono determinati e circoscritti, non fluttuanti ed imperscrutabili come nella vita reale. E dove ciò che trionfa sempre è soltanto l’armonia. Anche per voglia di celebrare visivamente un genere letterario nato per adulti e, poi, ingiustamente passato, nel tempo, al mondo dell’infanzia per un erroneo ed abusato convincimento che confonde il gusto del “narrare” con l’immaginifico del “narrato”.

La scelta di questo titolo testimonia una delle caratteristiche più significative degli spettacoli della Compagnia, quella di essere rivolti a tutte le tipologie di pubblico, dai giovani agli adulti e agli anziani. Nello stesso tempo si vuole dimostrare come nel repertorio della nostra Compagnia possano convivere spettacoli allestiti nell’Ottocento e  testi messi in scena negli ultimi anni (come “La bella addormentata nel bosco”), tutti con la stessa dignità e la stessa capacità comunicativa ed espressiva."

 

10 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Choral Arts presents Legacy and Life. A Musical and Visual Reflection

 

...Coming soon...

 

10 Novembre 2013

Washington DC

Kennedy Center Concert Hall

 

Giuseppe Verdi: Requiem
Steven Stucky: Take Him, Earth

inizio del concerto alle 4:00pm

 

Per maggiori informazioni consultare il sito

http://www.choralarts.org/2013002D2014/Legacy-and-Life.aspx

 

12 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

UNA FESTA EBRAICA

 

12 Novembre 2013

Philadelphia

VAN PELT LIBRARY, University of Pennsylvania

 


“Una festa ebraica” è un evento tripartite, formato da una lezione sul panorama della musica ebraica in Europa e in Italia durante I secoli XV e XVI; una reception; un concerto con esibizioni di canto (in italiano, yiddish ed ebraico) e danza. La Ensemble Lucidarium è formata in gran parte da musicisti italiani che si occupano di musica medieval e rinascimentale. L’evento è sponsorizzato dalla Joseph Alexander Foundation e dalla Mackler Family e cosponsorizzato dal Katz Center for Advanced Judaic Studies e dal Consolato Generale d’Italia a Filadelfia.

 

Lucidarium è un ensemble specializzata in musica medievale e rinascimentale. Tra i suoi musicisti annovera Gloria Moretti (vove solista), Avery Gosfield (flauto, cornamusa, e tabor), Marco Ferrari (flauto, cornamusa, dulcian), Francis Biggi (cetra, colascione, liuto, viola da mano), Massimiliano Dragoni (percussioni, dulcimer); Elisabetta Benfenati (chitarra rinascimentale); Bruna Gondoni and Marco Bendoni (danza rinascimentale).

Ogni concerto è il frutto di un lungo periodo di ricerca e di preparazione in vari campi, che risulta ogni volta in una diversa sonorità: una vivace combinazione di voci, strumenti e movimenti di danza che derivano da una solida conoscenza dello stile musicale e del contesto storico. Sebbene la ricerca sia in gran parte condotta sotto la supervisione dei due direttori (Avery Gosfield e Francis Biggi), ogni musicista è pienamente coinvolto nel processo di studio. Fin dalla sua fondazione, la combinazione di una meticolosa preparazione, la pratica dell’improvvisazione e l’energia nei concerti hanno portato fama e popolarità a questo gruppo.

L’evento ha luogo il 12 Novembre 2013 alle 5:30 pm con una lezione sul panorama musicale ebraico nell’Italia e nell’Europa dell’età rinascimentale; la lezione sarà seguita da una reception e poi dal concerto vero e proprio alle 7:00 pm con una performance di musica del XV e XVI secolo con canti (in italiano, yiddish ed ebraico) e danze. L’evento si svolge alla Van Pelt Library (University of Pennsylvania); sponsorizzato dalla Joseph Alexander Foundation e dalla Mackler Family; co-sponsorizzato dal Jewish Studies Program, Katz Center for Advanced Judaic Studies, e dal Consolato Generale d’Italia a Filadelfia.

È gratuito a aperto a tutti (no RSVP). Per informazioni, contattare jsp-info@sas.upenn.edu

LOCATION: VAN PELT LIBRARY University of Pennsylvania

6th Floor Van Pelt Library, 3420 Walnut Street, Philadelphia

 

13 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Opera and Naples

 

13 Novembre ore 19.00

Washington DC

Embassy of Italy Auditorium

 


Lecture and concert

 


In his book Opera, Theatrical Culture, and Society in Late Eighteenth-Century Naples, Ashgate Interdisciplinary Studies in Opera, 2012, Anthony R. DelDonna provides a rich study of operatic culture in the Kingdom of Naples in the period of 1775-1800. The book demonstrates how contemporary stage traditions, stimulated by the Enlightenment, engaged with and responded to the changing social, political and artistic contexts of the late eighteenth century in Naples. It focuses on select yet representative compositions from different genres of opera that illuminate the diverse contemporary cultural forces shaping these works and underlining the continued innovation and European recognition of operatic culture in Naples. It also defines how the cultural milieu of Naples -aristocratic and sacred, private and public - exercises a profound yet idiosyncratic influence on the repertory studied, the creation of which could not have occurred elsewhere on the Continent.

The book will be discussed by Anthony R. DelDonna, Associate Professor, Georgetown University, and Pierpaolo Polzonetti, Associate Professor, University of Notre Dame.

Program:
Selections from Debora e Sisara (1788); Music by Pietro Alessandro Guglielmi and libretto by Carlo Sernicola:

Sinfonia Tempesta
Scena decima: Coro, "Con preghi affrettisi"
Scena decima: Marcia, e coro, "Dagli affanni"
Scena ultima: Coro con soli, "Quanto a te dobbiam"
Scena Ultima: Aria con coro, "Non ha cor"
 

Performers
Pierpaolo Polzonetti
Debora e Sisara - Synopsis
Pietro Alessandro Guglielmi
Carlo Sernicola

DOORS OPEN AT 6:30 AND CLOSE AT 7:00PM PROMPTLY

RSVP will be announced

To receive your personal invite, join our mailing list http://iicwashington.info/mailing/user/subscribe.php

 

13 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Omaggio a Giuseppe Verdi

 

La mostra propone un saggio esaustivo delle creazioni di artisti, quali Luchino Visconti, Franco Zeffirelli, Perluigi Pizzi, Danilo Donati, Nicola Benois, che con il loro estro hanno tradotto visivamente, contesti storici, luoghi, personaggi, che il genio musicale di Giuseppe Verdi, aveva  già mirabilmente descritto attraverso la sua  sublime ed immortale musica.

 

13 Novembre - 5 Dicembre 2013

New York, IIC

 

Nel Bicentenario della nascita

 

Il melodramma è, senza ombra di dubbio, uno degli elementi più importanti ed identificativi del patrimonio culturale italiano. Tale genere di spettacolo, nato in Italia più di quattrocento anni fa, si è talmente diffuso e radicato in tutto il mondo, tanto da diventare la più alta e complessa espressione di teatro musicale. Lo sviluppo e la ricerca creativa dell'opera lirica ha inoltre permesso la nascita di altre due componenti essenziali: il luogo atto alla rappresentazione, da cui la realizzazione dei Teatri, cosiddetti all'Italiana, ed il metodo di messa in produzione, che ne consente l'esecuzione.

   La caratteristica che forse ha causato la fortuna del melodramma è sicuramente legata al fatto che raccoglie in sé, in un unicum di straordinario impatto emozionale, tutte le forme d'arte, quali la musica, la danza, il canto, la recitazione, l'arte figurativa per la scenografia e la costumistica. In tempi più recenti l'illuminotecnica e la regia. Il progredire artisticamente e tecnologicamente di ogni tessera di questo fantastico mosaico, ha inoltre consentito la nascita di tanti nuovi mestieri e specializzazioni, che a loro volta sono state la spinta propulsiva all’istituzione di scuole che preparassero professionalmente gli operatori del settore.

   Il Teatro dell'Opera di Roma, nell'ambito della sua ultracentenaria attività, ha  potuto avvalersi della collaborazione creativa di scenografi e costumisti di fama internazionale, le cui opere formano un mastodontico patrimonio iconografico, di estrema rilevanza artistico-documentale.    L 'Archivio Storico, che conserva questa preziosa collezione, promuovendone la conoscenza e la diffusione, ha selezionato  bozzetti ed costumi, ideati per i capolavori verdiani rappresentati al Teatro dell'Opera, durante il secolo scorso.

 

14 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

LA TRAVIATA

 

Danza e opera si fondono in La Traviata, la prima parte di un progetto in tre capitoli, concepito dalla compagnia Artemis danza e ispirato alle opere di Verdi. Il corpo dei danzatori diventa uno strumento che traduce, rafforza e trasforma il potere evocativo della musica di Verdi.

 

14 Novembre 2013

Chicago

Logan Center for the Arts (University of Chicago)

 

Danza e opera si fondono in La Traviata, la prima parte di un progetto in tre capitoli, concepito dalla compagnia Artemis Danza e ispirato alle opere di Verdi. Il corpo dei danzatori diventa uno strumento che traduce, rafforza e trasforma il potere evocativo della musica di Verdi.

Con i gesti vigorosi che caratterizzano il linguaggio di Artemis Danza, il corpo dei danzatori assorbe la passione, il dolore e la drammatica fine di Violetta e Alfredo.

Nel 2013, in occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e dell’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti, Artemis Danza ha organizzato un tour incentrato sul primo capitolo del progetto Traviata, con due tappe negli Stati Uniti.

Presentato dall’Istituto Italiano di Cultura di Chicago in collaborazione con il Reva and David Logan Center for the Arts (University of Chicago). 

 

15 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

"Don Pasquale" di Gaetano DonizettI

 

Opera in the Heights presenta il "Don Pasquale" di Gaetano Doninzetti al Lambert Hall nel quartiere storico di Houston Heights. Preparatevi a rimanere incantati dal canto, e a ridere al vedere come Don Pasquale si rende ridicolo per amore !

 

15, 16, 17, 21, 22, 23,24 Novembre 2013

Houston, Texas

Opera in the Heights, 1703 Heights Boulevard

 

Don Pasquale, al vedere suo nipote Ernesto rifiutare la sposa che questi aveva scelto per lui, decide di diseredarlo e di dotarsi di un nuovo erede per la sua fortuna. Quando l'anziano scapolo inizia a cercare una sposa giovane Ernesto, la sua fidanzata Norina e il dottor Malatesta, amico di Don Pasquale, si mettono d'accordo per dare una lezione a Don Pasquale e impedire il suo tentativo di sposarsi. Questo e' solamente l'inizio di questa Opera buffa, piena di divertimento e dell'incomparabile musica melodica e suggestiva di Doninzetti, maestro dello stile del Bel Canto.

 

Opera in the Heights presenta le sue produzioni nel Lambert Hall, un teatro raccolto ed intimo con appena 300 poltrone nel quale, grazie ad interpreti giovani e all'orchestra dal vivo, ogni opera prende vita.

 

Direttore:                 Enrique Carreòn-Robledo

Direttore di scena:   David Ward

Don Pasquale:          Carlos Conde

Norina:                     Julia Engel / Katie Dixon

Ernesto:                    Eric Bowden

 

L'Opera sara' presentata in italiano con sottotitoli in inglese proiettati al di sopra del palcoscenico

 

15 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

WORLD YOUTH ORCHESTRA

 

La Fondazione World Youth Orchestra, nata più di 12 ani fa, e’ un serbatoio di tanti giovani talenti sia italiani che stranieri che si fanno portavoce della grande cultura musicale Italiana e statunitense.X

 

15 e 16 Novembre 2013

Washington DC, Embassy of Italy, Nov 15
Philadelphia, Rock Hall Temple University, Nov 16

 

In occasione dell’Anno della Cultura Italiana negli USA, il progetto della WYO vuole consolidare e promuovere ancora di più gli scambi culturali, di cooperazione e di amicizia tra i due Paesi attraverso il talento musicale delle nuove generazioni. X

 

La WYO e’ composta da 7 giovani musicisti italiani e 7 giovani musicisti statunitensi che sono vincitori delle audizioni e rappresentanti dell’ Orchestra. I musicisti provengono dalle migliori scuole di musica dei due Paesi. In particolare, quelli americani, dal Curtis Institute di Filadelfia e dalla  Julliard School di New York.

Il progetto include 5 giorni di workshop e di prove musicali nell’auditorium della scuola pubblica Columbia Heights Educational Campus (CHEC) di Washington DC. L’ensemble orchestrale composta di soli archi, offre seminari agli studenti sul nuovo modello educativo chiamato “metodo partecipativo di creazione esecutiva”. I partecipanti esplorano un nuovo linguaggio musicale, sperimentando personali esperienze nell’eseguire la musica classica.

L’Orchestra esegue, nel concerto finale in Ambasciata, brani della grandissima letteratura musicale italiana ed americana e portatori dei massimi valori dell’arte musicale universale: Giuseppe Verdi e Samuel Barber.

Attraverso il grande talento, la preparazione approfondita, ma anche la gioia e la forza interpretativa, i 14 giovani musicisti italiani e statunitensi sono tra i migliori testimoni dell'impulso dinamico alle nostre relazioni bilaterali e dell’amicizia che lega Italia e USA.

 

 

Programma: Musiche di Giuseppe Verdi and Samuel Barber.

 

 Direttore Damiano Giuranna (fondatore della WYO).

 

 G.Verdi Ave Maria aria per soprano e archi (arrangiamento per violino e archi di D.Giuranna)

 G.Verdi Quartetto per Archi in MI minore (edizione per Orchestra d’Archi)

 S.Barber Songs (arrangiamento per violino, viola e archi di D.Giuranna)

 S.Barber Quartetto n.1 op. 11 (edizione per Orchestra d’Archi)

 

Il concerto in Ambasciata e’ aperto al pubblico.

 

La seconda tappa del concerto si tiene al Rock Hall della Temple University di Filadelfia il 16 November 2013 con lo stesso programma. Un appuntamento particolarmente significativo per la città, non solo perché il concerto conclude un intero percorso di celebrazioni verdiane iniziato in settembre con Nabucco, ma anche perché Filadelfia ha dato i natali proprio a Samuel Barber, formato al Curtis Institute, dove hanno studiato molti compositori italiani, quali Giancarlo Menotti, Nino Rota, la soprano Anna Moffo. E proprio al Curtis Institute studiano alcuni dei giovani che fanno parte della WYO.

 

16 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

"DON CARLOS" di Giuseppe Verdi

 

La Austin Lyric Opera presenta il Don Carlos di Giuseppe Verdi il 16/24 novembre al  Long Center for the Performing Arts di Austin

 

16 - 24 Novembre

Austin, Texas

Long Center for the Performing Arts

 

La politica, l'amore e la lealta' alla famiglia sono messe alla prova in questo epico triangolo amoroso che coinvolge un sovrano tirannico, un principe disperato e una giovane innocente.  

 

Il Don Carlos, che contiene alcune delle composizioni piu' potenti di Giuseppe Verdi, e' la storia drammatica di persone potenti che devono tutte accettare il loro ruolo di pedine in un destino tragico.   

 

Per celebrare adeguatamente il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi la Austin Lyric Opera presenta il Don Carlos per la prima volta nella Capitale dello Stato del Texas.

 

Sabato 16 novembre       – 19:30

Giovedi' 21 novembre      – 19:30

Domenica 24 novembre   – 15:00

 

16 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

LA TRAVIATA

 

Progetto di Monica Casadei, eclettica coreografa emiliana formatasi fra Italia, Inghilterra, Francia e vari soggiorni in Oriente. Con il trittico Corpo a Corpo Verdi che include anche Rigoletto e Il Trovatore, si propone di tradurre nel linguaggio della danza i melodrammi più celebri del compositore italiano.

 

16 Novembre 2013

Los Angeles
Theatre Raymond Kabbatz

 

Coreografia, regia, scene, luci e costume: Monica Casadei

Con: V. Colella, M. Cosseta, G. Dorliguzzo, C. Montalbani, G. Morisco,

S. Muccioli, C. Negri, S. Roveda, F. Ruggerini, E. Serrecchia, V. Trevisan

Musiche: Giuseppe Verdi

Elaborazione musicale: Luca Vianini

Drammaturgia musicale: Alessandro Taverna

 

Produzione Compagnia Artemis Danza/Monica Casadei. Coproduzione

Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Festival Verdi - Parma

Con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Emilia Romagna-Assessorato alla Cultura, Provincia e Comune di Parma

 

Organizzato da: Theatre Raymond Kabbatz

In collaborazione con: IIC

 

www.artemisdanza.com

 

22 Novembre 2013

Musica e teatro

Prossimo eventoEvento precedente

Orchestra Italiana del Cinema presenta Beyond La Dolce Vita

 

Un concerto multimediale come omaggio al Cinema Italiano.

 

22 Novembre 2013

Ucla, Royce Hall, Los Angeles

 

L’eccellente compagine sinfonica dell’ Orchestra Italiana del Cinema e le proiezioni ad alta definizione, danno vita ad un indimenticabile concerto multimediale per celebrare la partnership tra musica e film.

Federico Fellini è uno dei più influenti registi del 20° secolo, meglio conosciuto al di fuori dell’Italia per il famoso film La Dolce Vita, un film che ormai è diventato sinonimo della cultura italiana.

Vincitore di numerosi riconoscimenti e del più alto numero di Oscar per il Miglior Film in Lingua Straniera.

Insieme al Ministro degli Affari Esteri e gli istituti di cultura italiana nel mondo, l’Orchestra Italiana del Cinema celebra il 20° anniversario della morte di questo grande artista con uno straordinario concerto.

BIO O.I.C. http://www.orchestraitalianadelcinema.it/about/

Ticket:http://cap.ucla.edu/calendar/event_detail.asp?id=370

Video link: http://www.youtube.com/embed/KSKC7NRLOp4